“Percorrendo” la biodiversità del Pollino

Domani 6 aprile torna “Il tratturo dei frutti antichi”, una giornata dedicata alla biodiversità agricola del Parco Nazionale del Pollino. L’evento è stato organizzato l’evento dall’Alsia, l’Agenzia Lucana di Sviluppo ed Innovazione in Agricoltura, con la sua Azienda Agricola Sperimentale Dimostrativa “Pollino” di Rotonda (PZ), in collaborazione con il Parco Nazionale del Pollino, l’amministrazione di San Severino Lucano e l’Associazione di agricoltori custodi “Vavilov”.Giunta alla quinta edizione, la manifestazione si svolgerà in agro di San Severino Lucano, cuore del Pollino, con lo scopo di recuperare, tutelare e valorizzare la biodiversità di interesse agrario di quello straordinario comprensorio, sensibilizzando sull’argomento la popolazione residente e i giovani in età scolare. L’appuntamento con “Il tratturo dei frutti antichi” è previsto per le ore 9,30 presso il sito di conservazione seminaturale di “Frida”: in quella località sono stati realizzati negli anni scorsi più di 500 innesti di 150 varietà di pero e melo su semenzali spontanei.Nel corso della giornata, sono inoltre previste interessantissime attività dimostrative sugli innesti, con la partecipazione degli agricoltori custodi dell’Associazione “Vavilov” e degli studenti delle scuole agrarie. Un'ottima occasione dunque per conoscere le ricchezze del Pollino e scoprire i segreti dell'agricoltura.

Emozionarsi sospesi sul Pollino

Il Parco Nazionale del Pollino è per le sue dimensioni il più grande parco d’Italia e una delle tante meraviglie del sud della nostra penisola. Indiscusso scrigno di particolarissime specie animali e vegetali, è certamente una meta privilegiata per gli amanti dello sport all’aria aperta e delle passeggiate a piedi a cavallo.Grazie al progetto di sviluppo locale ArtePollino, dal 2008 si è voluto promuovere questo affascinante territorio sostenendo ogni forma di espressione artistica, soprattutto contemporanea. Le tante opere d’arte, realizzate con lo scopo di essere integrate perfettamente con il territorio in cui dovevano essere collocate, rappresentano sicuramente grandi attrazioni emozionali e un’ottima occasione per conoscere questa terra.Quasi tutti i paesi del versante lucano del Pollino sono stati coinvolti in questo progetto e sicuramente una delle installazioni artistiche più curiose e apprezzate è quella ad oggi collocata nel borgo di San Severino Lucano. Si tratta della grandiosa opera d’arte RB Ride realizzata da uno dei più grandi artisti viventi al mondo di arte contemporanea: Carsten Höller.L’installazione è una  colorata giostra con seggiolini che girano in cerchio e allo stesso tempo si inclinano verso il suolo, compiendo un giro ogni quarto d'ora. Sicuramente un’esperienza unica ed un insolito punto di vista da cui poter ammirare le tante bellezze del Pollino. 

L'allegria dei ragazzi pugliesi

Una band sui generis composta da circa 15 ragazzi tutti teenagers che al ritmo dei loro tamburi rallegra le piazze di tutta Italia. Lo spettacolo a San Severino Lucano è arrivato, così come l'allegria ed il sorriso dei giovanissimi drummers. Children Flowers, questo il nome che si sono dati e che portano nelle piazze di tutta Italia. Uno spettacolo che ha coinvolto le centinaia di turisti e abitanti del piccolo borgo lucano che al ritmo incessante dei tamburi ha danzato ed ha molto apprezzato le sonorità moderne dei piccoli musicisti. 

Uno SHOW emozionante

Uno spettacolo emozionante che ha lasciato senza fiato le centinia di appassionati e curiosi di San Severino Lucano e dei Comuni limitrofi. Ad aprire lo show, il volo dei rapaci seguiti con attenzione e curiosità, ma anche un piccolo timore, da i tanti bambini accorsi. A seguire le acrobazie degli stunt-ma sui loro fedelissimi e ben addestrati cavalli. Tante le emozioni e non sono mancate, ahinoi, le cadute per fortuna tutte controllate dai bravissimi acrobati. A chiudere la manifestazione l'esibizione degli arcieri lucani. Un gruppo giovanissimo che sta venendo alla ribalta in uno sport che richiede una grande preparazione ed un legame unico con i cavalli.

Verso i Monti

Cavalli Equiturismo

Una preparazione meticolosa. 30 cavalieri si porteranno sui sentieri che conducono in vetta. Il percorso non è difficile ma i tratturi che i cavalli dovranno percorrere richiedono comunque una discreta preparazione alle passeggiate in gruppo. Cavalieri provenienti dalla Puglia, Campagna e chiaramente dalla Basilicata. La carovana è guidata dalle Giacche Verdi, una garanzia di sicurezza e di passeggiata in tutta tranquillità.